Auntie Rita’s wonderfully simple spumante risotto

I came in Italy for a few days, not a very happy occasion actually, as my beloved nana has passed away at age of 99. She was my first cook teacher, she taught me to pick wild herbs to cook and serve in salad, she even showed me how to prepare farm cheese. She was a WWII survivor, born just one year after the end of WWI. She decided to be buried in a country churchyard in Umbria, in the village she was born and she never forgot. 

edf

But Umbria is also the place where my untie and godmother Rita lives (not a novel character but a flesh and bone honest food lover untie). She prepared this risotto for me and I thought to share with you because it is very easy but it makes the perfect Valentine dish given the fancy presence of Spumante (you can use Champagne if you wish) that add perfume to the Risotto.

Ingredients

Serve 5/6 people

  • ½ white onion
  • 1 l of hot vegetable stock
  • 75 gr of butter
  • 2-3 spoonful of cream
  • half a litre of dry spumante
  • ½ kg carnaroli or arborio rice
  • Grated parmesan to taste
  • Ground black pepper only if you like

Directions

  • Chop the onion very finely. Melt half of the butter in a wide saucepan and cook them gently until softened. In another saucepan, pour the spumante and in another one all of the stock, and keep on a very low simmer nearby to your risotto.
edf
  • When the vegetables are soft, pour in the rice and turn in the butter until it is glossy. At medium heat, pour one ladle champagne and, stirring all the time, let it be absorbed.
edf
  • Alternate a ladle of stock and a ladle of spumante, letting one ladleful be absorbed before adding the next, keeping on stirring.
edf
edf
  • Once the rice is cooked, put some butter and the Parmesan and the cream mix and cover to give time to absorb for about 5 minutes. Serve and enjoy!
edf

Advertisements

The perfect home made Cornetto

Cornetto, the iconic Italian brioche that we eat for breakfast, softer and less crispy of a French croissant, it is served warm in the Italian bars to free the citrusy aromas of the zest and the sweetness of the vanilla, while the buttery texture melts in your mouth.

I have already written about Cornetti, the iconic Italian breakfast and how, unfortunately, most of the cornetti that you taste in the Italian bars are deep frozen, that is not a bad thing in itself, but according to this overview https://www.dionidream.com/report-ecco-quanto-fanno-male-i-cornetti-del-bar/this lovey breakfast has at least %80 of its fats from palm oil, a lot of glucose and fructose. Not very healthy!

It is absolutely worthy to prepare the at home. Double or triple your dose, deep freeze them at the end of phase 6  and you will have a delicious Italian breakfast ready for nearly a month!

For an easier recipe click here

Ingredients:

For the pastry

500 gr of flour

50 gr of sugar

50 gr of butter

pinch of salt

250 gr of water

1 teaspoon of mixed zest of lemon and orange

some drops of vanilla extract

50 gr of milk at room temperature

12 gr. dried yeast

To laminate the dough

250 gr of soft butter

For the glaze

1  beaten egg mixed with 2 tablespoons of milk

a little raw cane sugar for dusting on top

Instruction

1. Dissolve the yeast in the warm water and stand for 5 minutes. Put the flour in the bowl of a standing mixer make an hole  pour in the yeasted water, the milk and the sugar and let it rise for about 15 minutes, the mix  with the hook on low speed for 1 minutes, add the softened butter, the orange zest, the vanilla and mix well mix at low speed for about 20 minutes, the dough should be very elastic.

2. Place the dough into an oiled bowl, cover with streach film and rest for half an hour in a warm place. 

3. Meanwhile take the butter for the lamination, put it between two sheet of baking paper , stretch it into a rectangle of 25 X 20 cm and 3mm hight. Place it back in the refrigerator.

4. Roll the dough onto a floured surface to shape a rectangle about 50×22 and 3 mm thick. Place the square of butter in the  the rolled out dough so that it covere 2/3 of the dough, then fold into three like a business letter and roll gently, cover with strech film and rest in the fridge for 30 minutes. After that roll the dough into a rectangle then fold into three again, cover with strech film and rest in the fridge for 30 minutes. Repeat two more time.

5. After the dough has rested for the fourth time, roll it again in a 55X22 cm rectangle 3 mm thick. Cut the rectangle in triangles. Roll each triangle onto itself starting from the base and gently stretching the dough. Once they are rolled gently curve them to form a  crescent 

6. Lay them onto a tray lined with baking paper cover the tray with stretch film and let them rise in a warm place until at least doubled 

7. Preheat the oven to 200 C. glaze the cornetti, dust the with sugar and bake for 15-20 minutes or until golden brown.

Note:

With the prepared dough you can prepare AMAZING cinnamon rolls, just follow the passages here

Crostata meringata al limone

In English here

La crostata meringata al limone è un dolce appariscente e patinato, la scelta perfetta per concludere una cena a casa Dursley, sarebbe bastato non tirare in ballo i genitori di Harry Potter…

edf

“…al momento della meringata al limone, zio Vernon li tediò tutti con un lungo discorso sulla Grunnings, la sua ditta produttrice di trapani; poi zia Petunia fece il caffè e zio Vernon tirò fuori una bottiglia di brandy.

«Un bicchierino, Marge?»
Zia Marge aveva già bevuto parecchio. Il suo faccione era molto rosso. «Ma sì, appena appena» disse ridacchiando. «Un po’ di questo, un po’ di

quello… come il ragazzo».
Dudley stava facendo sparire la quarta fetta di meringata. Zia Petunia beveva il caffè con il mignolo teso. Harry avrebbe tanto voluto eclissarsi in camera sua, ma incontrò lo sguardo furioso di zio Vernon e capì che doveva resistere.”

È il secondo capitolo di Harry Potter e il prigioniero di Azkhaban. Dai Dursley c’è ospite la sorella di zio Vernon, antipatica come il resto della famiglia e alla fine della cena viene servita una meringata che conclude dolcemente il pasto ma apre una conversazione amara.

Con meringata viene tradotto l’originale lemon meringue pie che in realtà appartiene più alla tradizione Americana che a quella inglese.

La ricetta che vi propongo ha una crema di limone molto, molto intensa, ma offrirò anche una versione meno “limonosa”

edf

Ingredienti

Per la pastafrolla:

300 gr. farina

150 gr. burro freddo

150 gr. zucchero

la buccia di un limone grattugiata

(io metto anche una punta di lievito in polvere che rende la pasta meno compatta, ma la versione originale non ne prevede la presenza)

Per la crema al limone (gusto intenso)

3 tuorli d’uovo

160 gr di zucchero

30 gr di maizena

3 cucchiai di acqua

3 limoni (succo e buccia grattugiata)

100 gr di panna

2 cucchiai di burro

Per la crema al limone (Gusto meno intenso)

4 tuorli d’uovo

160 gr di zucchero

il succo e la buccia di due limoni

400 ml di acqua

due cucchiai di burro

Per la Meringa:

2 bianchi d’uovo

200 gr di zucchero a velo

qualche goccia di limone

Istruzioni:

Preparate le pastafrolla mischiando insieme tutti gli ingredienti. Impastate il meno possibile, ed usando solo la punta delle dita per evitare che l’impasto si scaldi. Formate un panetto e mettetelo a riposare in frigo per almeno due ore (meglio se per tutta la notte).

Stendete la pastafrolla alta pochi millimetri e ricoprite uno stampo imburrato oppure foderato di carta da forno. Punzecchiate leggermente l’impasto, appoggiatevi sopra della carta da forno e copritelo con dei ceci secchi perché rimanga in forma. Cuocete per circa mezz’ora a 180 gr.

Preparate la crema mischiando insieme zucchero e maizena e aggiungendo l’acqua in modo che si formi un composto privo di grumi, mettere il succo e la buccia di limone a scaldare in una casseruola, quando è vicino al punto di ebollizione aggiungere la crema di zucchero e maizena e mescolando con una frusta, aspettate qualche minuto che si addensi. A questo punto abbassate leggermente il fuoco e aggiungete i tuorli, mischiando energicamente, quando la crema ha assorbito i tuorli, aggiungete la panna ed il burro, una volta che anche questi saranno assorbiti, togliete dal fuoco e aspettate che si freddi.

Preparate le meringhe montando a neve ben ferma due chiare d’uovo con meta dello zucchero. Una volta montate, aggiungere il resto dello zucchero ed incorporarlo con una spatola, dal basso verso l’alto per evitare che il composto si sgonfi.

Quando la crema ed il guscio di pastafrolla saranno ben freddi, potete passare all’assemblaggio della torta. Mettete il guscio di pastafrolla in un piatto da portata e riempitelo con la crema al limone. Con l’aiuto di una siringa o di un sac-a-poche coprite la torta con ciuffi di meringa. Mettete pochi minuti in forno con funzione grill. Quando è pronta mettete la torta a riposare in frigo per almeno un paio di ore prima di servirla.

edflemonpie5.jpg

Chocolate and Mascarpone Raviole

Those chocolate and mascarpone raviole inspired to the original recipe in the sisters Simili’s book “Pane e Roba Dolce” are crounchy outside with a creamy filling that melt in your mouth, making the perfect treat for winter week-ends.

In Italian here

edf

For the dough

½  kg white flour

200 g softened butter

160 g sugar

25 g milk

5 g honey

½ teaspoon of salt

12 g rising powder

2 eggs

For the filling

Chocolate spread

50 g mascarpone cheese

Melted butter for the glaze and powdered sugar for the finishing

edf

Directions

Form the flour, granulated sugar into a volcano-shaped mound, put the butter, eggs, milk and honey into the crater of the volcano and use a spatula to gently mix the ingredients into a dough. Knead it gently until smooth and supple, finally add the rising powder.

Roll the dough out into a thin sheet and then cut out 10 cm diameter circles. (

Spread the chocolate cream of each of your dough rounds, then place a teaspoon of mascarpone in the centre.

Fold each circle in half over the filling to form a half-moon shape, making sure that the edges line up, and press firmly with your fingers along the edges to seal.

Brush each raviola with the butter.

Bake at 180 C. until golden brown, about 30 minutes, then lightly dust with the powdered sugar. Serve at room temperature.

Enjoy!

Raviole alla crema di cioccolato e mascarpone

Raviole al cioccolato e mascarpone che si sciolgono in bocca, ispirate alla ricetta delle sorelle Simili nel libro “Pane e roba dolce”.  Una piccola consolazione nelle giornate di pioggia

(In English here)

edf

Cresciute in mezzo al profumo del pane, Margherita e Valeria Simili hanno ereditato dalla famiglia non solo la panetteria, ma anche la passione per la cucina casalinga tradizionale. Dopo aver gestito per anni con successo la loro scuola di cucina, adesso si dedicano a tenere corsi in altre scuole o in televisione. copertina similiIl loro “Pane e roba dolce un classico della tradizione italiana” è un libro meraviglioso perché propone ricette assolutamente sicure, basta seguire passo per passo le istruzioni delle due sorelle, ma anche ci introduce ai segreti di chi ha gestito per anni un negozio di panetteria: come modificare leggermente un impasto per farlo diventare qualcosa di diverso.

Quella che propongo oggi è la loro ricetta del ciambellone emiliano, più simile, per consistenza alla pastafrolla che al ciambellone della nonna a cui siamo abituati. Ci spiegano anche che con lo stesso impasto si possono fare diversi prodotti: la pinza, i biscotti e le raviole.

A partire dalla ricetta delle sorelle Simili ho creato delle raviole ripiene di crema di cioccolata e mascarpone. Il mascarpone mi è servito a mantenere morbida la crema di cioccolato che altrimenti nella cottura in forno diventerebbe secca e granulosa. Rispetto alla ricetta delle sorelle Simili ho dimezzato le dosi ed ho leggermente aumentato il burro perché per me è difficile trovare lo strutto.

edf

Per l’impasto

½  kg di farina

200 g di burro a temperatura ambiente

160 g di zucchero

25 g di latte

5 g di miele non amaro

½ cucchiaino di sale

1 bustina di lievito chimico

2 uova

Per il ripieno:

Crema di cioccolata

50 g di mascarpone

Burro fuso per spennellare

 

edf

Mettere tutti gli ingredienti eccetto il lievito nella planetaria ed impastare a velocità bassa con il gancio a foglia. Una volta pronto l’impasto, aggiungere il lievito ed impastare fino ad assorbimento completo.

Se non si possiede una planetaria, mettere la farina a fontana sulla spianatoia e nel centro della fontana mettere tutti gli ingredienti eccetto il lievito. Impastare utilizzando una spatola e non le mani, una volta che la farina avrà completamente assorbito tutti gli ingredienti, aggiungete il lievito e continuate a mescolare fino a completo assorbimento.

Stendete l’impasto ottenuto con un mattarello fino a quando sia alto circa 3 mm.

Con uno stampo rotondo ritagliate dei cerchi che spalmerete con crema di cioccolato facendo attenzione a lasciare libero circa ½ cm dal bordo.

Al centro della crema di cioccolata mettete un cucchiaino di mascarpone.

Piegate il cerchio in modo da formare un raviolo.

Spennellate con del burro fuso e cuocete in forno statico a 180 gradi per circa mezz’ora.

Servite a temperatura ambiente, spolverate di zucchero a velo.

Non mangiatele tutte in un giorno!

edf

edf

The Guernsey Literary and Potato Peels Pie

Il club del libro e della torta di bucce di patata di Guernsey é un romanzo delizioso, non riesco a trovare un altro aggettivo per descriverlo.

il club del libro

Non lo conoscevo, cosi come non conoscevo la sua autrice, Mary Ann Shaffer che ha scritto questo unico romanzo, infatti mentre lo scriveva si è ammalata gravemente ed ha chiesto a sua nipote, Annie Barrows, di finirlo per lei. Ho visto il film su Netflix e mi è piaciuto quindi ho deciso di leggere anche il libro e mi è piaciuto ancora di più. Senza fare la spoiler, dico soltanto che si tratta di un romanzo epistolare. Siamo in Inghilterra nel 1946, Il personaggio principale, Juliet, in cerca di un’idea per il suo secondo libro, dopo che il primo è stato un successo, inizia una fitta corrispondenza con i membri del club del libro e della torta di bucce di patata di  Guernsey. Le raccontano cosa abbia significato la guerra per loro (Guernsey è stata per cinque anni sotto l’occupazione nazista)le amicizie ed i rancori che sono nati. Spicca tra tutti il personaggio di Elisabeth, donna coraggiosa che pur potendo fuggire a Londra era rimasta sull’isola per aiutare un’amica.

Mi fermo qui, aggiungendo solo che il mio personaggio preferito è Isola, “una strega che pratica la sua arte”.

La torta di bucce di patate nasce dal fatto che sull’isola, dopo l’occupazione, era venuto a mancare tutto, si trovavano solo patate e qualche barbabietola. Cosi Will Thisbee, volendo portare qualcosa una sera che era stato invitato a una cena molto speciale(non voglio spifferare niente) inventò questa ricetta(patate schiacciate, barbabietole per dargli un po’ di dolce e le bucce di patata per simulare la crosta, il tutto da mandar giù con un bicchierino di gin preparata da Isola.

edf

Io ho rivisto un po’ la ricetta e il tocco da maestra (me lo dico da sola) sono proprio le bucce di patata che ho spolverato leggermente con polvere di curry e sale e le ho fritte nella friggitrice ad aria calda, sono sinceramente buonissime…

edf

 

Il Pie fa la sua figura servito caldo come contorno a fette di arista arrosto o di roast-beef (l’ho provato), ma penso che starebbe benissimo anche con il pesce fritto all’inglese(che invece penso di proporre uno di questi giorni nel mio blog).

Buon appetito a tutti e fatemi sapere se da adesso in poi pensate ancora di buttare via le bucce di patata.

 

Ingredienti

2 patate grosse (500-600 gr) a buccia sottile

2 barbabietole cotte al vapore

3 cucchiai di olio EVO

1 spicchio d’aglio (piccolo)

1 cucchiaino di curry

sale q.b.

 

Procedimento

  • Con l’aiuto di una spazzolina, pulire bene le patatein maniera tale che la buccia risulti senza sporco o impurità.
  • Sbucciare le patate e cuocerle al vapore. Nel frattempo, asciugare le buccedi patate, spolverarle con polvere di curry e salee cuocerle nella friggitrice ad aria calda. Se non si ha questo tipo di friggitrice, cuocerle al forno con la funzione grill.
  • Tagliare le barbabietole a fette sottilicon la mandolina
  • Quando le patate sono cotte, schiacciarle beneo passarle al setaccio, ed aggiungete l’olio in cui avrete frullato un piccolo spicchio d’aglio, aggiustate con il sale.
  • Per comporre il pie basta fare uno strato di purea di patate, uno strato di barbabietole e coprire con uno strato di patate, alla fine decorare con le bucce di patate come se fosse una crostata.

edf